I bambini difficili da mangiare non lasciarlo andare! Ecco 10 modi per superare il giusto

I bambini che hanno difficoltà o non vogliono mangiare sono spesso una sfida che deve essere affrontata dai genitori. Infatti, durante questo periodo di crescita, l'apporto nutritivo dei bambini in età scolare dal cibo deve essere adeguatamente soddisfatto, al fine di sostenere il loro sviluppo. Prima di estrarre una vena, scopri innanzitutto cosa causa effettivamente difficoltà a mangiare in un bambino e come affrontarlo nel modo giusto.

Che cosa fa sì che i bambini abbiano difficoltà a mangiare?

Rifiutarsi di mangiare è in realtà una fase normale che ogni bambino attraverserà così come te come genitore, non ultimo nel periodo di sviluppo dei bambini di 6-9 anni.

Il motivo principale per cui i bambini non vogliono affatto mangiare di solito è perché hanno la loro "paura" di questi alimenti.

La paura può essere dovuta all'odore, alla forma, all'aspetto, alla consistenza o al sapore del cibo che gli è ancora nuovo.

Questa condizione è di solito vissuta dai bambini che stanno per provare a mangiare un nuovo tipo di cibo o lo hanno provato ma non gli piace.

È questa preoccupazione che rende i bambini mangiatori schizzinosi.

Questa azione sembra essere una forma di difesa per lui nello smistamento del cibo, anche se quello che in realtà stai servendo è cibo sano per i bambini.

Purtroppo, questo rende indirettamente più limitata la varietà degli alimenti dei bambini, compromettendone l'adeguatezza nutrizionale quotidiana.

Inoltre, la causa del non voler mangiare dei bambini può essere anche dovuta al loro appetito che spesso cambia a questa età, soprattutto quando si provano nuovi cibi.

La condizione del bambino che non vuole mangiare può essere anche perché è malato o ha determinate condizioni mediche.

Ecco alcune cose che fanno perdere l'appetito ai bambini, quindi è difficile mangiare:

1. I bambini hanno difficoltà a mangiare a causa della diarrea

Se l'appetito del bambino è generalmente buono ma improvvisamente diventa difficile mangiare, potrebbe essere un'infezione virale o batterica.

Prestare attenzione se il bambino va spesso avanti e indietro in bagno e si lamenta ripetutamente di dolori addominali.

Se il bambino ha questa condizione, la causa più probabile della sua difficoltà a mangiare è la diarrea, soprattutto se al bambino piace fare uno spuntino a caso.

2. Costipazione

La stitichezza o stitichezza è una condizione in cui il processo di defecazione del bambino non è fluido come al solito.

La stitichezza è l'opposto della diarrea, che consente a chi ne soffre di defecare frequentemente.

Quando un bambino è stitico, la frequenza dei movimenti intestinali può essere molto rara. In effetti, i bambini possono defecare solo circa 3 volte a settimana.

In questa condizione, è possibile che i bambini siano più difficili da mangiare, persino riluttanti a provare nuovi tipi di alimenti.

3. Esofagite eosinofila

L'esofagite eosinofila è una condizione in cui i globuli bianchi (eosinofili), che dovrebbero scongiurare le allergie, si accumulano effettivamente nell'esofago (esofago).

Questo può essere innescato da una risposta all'allergene (allergene).

La maggior parte dei bambini con esofagite è solitamente allergica a determinati tipi di alimenti o altre cose, come latte, noci, uova, polline e così via.

L'esofagite provoca sintomi sotto forma di gonfiore della gola che fa male durante la deglutizione del cibo.

4. Intolleranze alimentari

L'intolleranza alimentare è una condizione in cui l'organismo non ha la capacità di digerire determinate sostanze contenute negli alimenti o nelle bevande.

È importante capire che questa condizione è diversa da un'allergia alimentare, che è causata da una reazione del sistema immunitario.

L'incapacità del corpo di digerire il cibo è ciò che provoca vari sintomi. Include dolore addominale, nausea e altri.

Questo è ciò che alla fine fa sì che il bambino si rifiuti persino di mangiare. Gli alimenti che possono causare intolleranza includono lattosio, grano e glutine.

5. Patologie renali ed epatiche

Varie malattie che colpiscono la funzione dei reni, del fegato e di altri organi possono rendere difficile l'alimentazione dei bambini.

Consultare un medico per scoprire la causa esatta vissuta da tuo figlio.

Come comportarsi con un bambino difficile da mangiare?

L'approccio che deve essere adottato per aiutare a superare il problema di un bambino che non vuole mangiare può variare a seconda delle caratteristiche del bambino.

Se i genitori possono parlare comodamente con i bambini, prova a chiedere quali problemi e lamentele provano. D'altra parte, presta anche attenzione a quali tipi di cibi preferiti e cibi che non piacciono ai bambini.

Quando tuo figlio ha difficoltà a mangiare, forse è annoiato dal cibo quotidiano o ha le sue lamentele.

Reclami o fattori che rendono più difficile mangiare.

In generale, ecco alcuni suggerimenti che puoi fare per affrontare i bambini che hanno difficoltà a mangiare:

1. Dare cibo in piccole porzioni ma spesso

Dare a un bambino grandi porzioni di cibo quando ha difficoltà a mangiare lo rende certamente in grado di mangiare solo in piccole porzioni.

In effetti, i bambini possono trovare sempre più difficile mangiare perché sono riluttanti a toccare il cibo.

Invece di dover servire cibo in porzioni abbondanti ma non esaurite, cercate di mangiare porzioni per bambini non eccessive ma abbastanza spesso.

L'Associazione Pediatra Indonesiana (IDAI) raccomanda di mantenere una distanza di almeno tre ore prima del pasto successivo.

In questo modo, il bambino si sentirà meglio quando avrà fame e quando sarà sazio. Questo rende la porzione del pasto più adatta quando è il momento di mangiare.

Se applicato regolarmente, questo metodo può almeno aiutare a regolare il loro programma alimentare in modo che nel tempo il problema dei bambini che hanno difficoltà a mangiare possa essere risolto correttamente.

2. Fai pasti regolari se tuo figlio ha difficoltà a mangiare

Abituatevi invece ai bambini a mangiare tre pasti principali e due spuntini tra i pasti principali.

Allo stesso tempo, insegna anche ai bambini le routine. In questo modo, i bambini sanno cosa fare in determinati momenti.

Lanciando dalla Mayo Clinic, sei incoraggiato a nutrire tuo figlio secondo un programma. Se tuo figlio è troppo stanco, potrebbe scegliere di dormire e rifiutarsi di mangiare.

Questo rende difficile mangiare. Invece, dagli un piccolo spuntino o del latte prima che il bambino faccia un pisolino.

Chiedi a tutti a casa o che si prendono cura di tuo figlio di seguire questa tua routine da applicare al bambino.

3. Servi cibo con un aspetto attraente

Gestire le offerte di cibo può anche essere un modo per affrontare i bambini che hanno difficoltà a mangiare.

Se per tutto questo tempo sei abituato a dare ai bambini cibo dall'aspetto normale, ora prova un altro modo per servire il cibo.

Ad esempio, dai al bambino un piatto di cibo dall'aspetto attraente modellando il riso in una forma a viso, quindi usando verdure e contorni come dolcificante.

Puoi formare le carote in una corona o i cetrioli come erba.

Sii creativo a modo tuo per trovare variazioni interessanti sul piatto della cena del bambino.

Questo metodo può essere applicato anche se il bambino è malato e non vuole mangiare affatto.

4. Diversificare il cibo con vari sapori

Inoltre, per gli spuntini pomeridiani e serali, puoi offrire sapori salati e frutta dolce.

A volte, i bambini non vogliono mangiare perché sono annoiati dal gusto dello stesso cibo e vogliono provare nuovi sapori di altri cibi.

Maggiore è la varietà di cibo che i bambini mangiano, più nutrienti hanno bisogno.

Tuttavia, non promettere mai cibo dolce per i bambini come regalo.

I genitori di solito offrono dolci come ricompensa se il bambino finisce il suo pasto o se il bambino mangia le verdure.

Ciò ridurrà l'interesse del bambino per cibi diversi dai dolci.

5. Varia il cibo preferito di tuo figlio quando è difficile da mangiare

Quando tuo figlio è malato e non vuole mangiare, puoi stimolare l'appetito del tuo bambino dandogli i suoi cibi preferiti.

Mescola i loro cibi preferiti con altri tipi di cibo in modo che l'apporto nutrizionale dei bambini sia più diversificato.

6. Evita di bere quando mangi

Molti bambini spesso bevono nel bel mezzo del processo di alimentazione a causa del trascinamento o della sete. In effetti, bere troppo può effettivamente far gonfiare lo stomaco di un bambino, quindi mangia solo poco.

D'ora in poi, dovresti limitare la quantità di acqua che i bambini possono bere durante i pasti per affrontare i bambini che hanno difficoltà a mangiare.

Se vuoi bere, dai da bere a tuo figlio prima di mangiare e puoi bere di nuovo in grandi quantità solo dopo che il cibo è finito.

7. Introduci lentamente nuovi cibi

A volte, la condizione del bambino è difficile da mangiare perché non ha molta familiarità con il cibo che servi.

Se vuoi introdurre un nuovo alimento, prova a farlo gradualmente. Introduci prima una piccola quantità e poi passa a una porzione piuttosto grande dopo che il bambino si è abituato.

Dare immediatamente nuovi cibi in grandi porzioni può rendere i bambini riluttanti a mangiarli, soprattutto se non gli piace l'aspetto, la consistenza o l'aroma.

8. Coinvolgi i bambini in modi interessanti

Diverse attività interessanti legate al cibo possono essere una buona idea per superare il problema dei bambini che hanno difficoltà a mangiare.

Ad esempio, puoi invitare i tuoi figli a giocare con i giocattoli delle ragazze come giocare a cucinare o invitare i tuoi figli a preparare un pasto insieme.

Oltre ad essere divertenti, questi metodi ti aiutano anche a far conoscere il mondo del cibo a tuo figlio.

Invita tuo figlio ad aiutarti a fare acquisti e lascia che scelga il cibo che desidera.

Successivamente, puoi anche invitare tuo figlio ad aiutare a preparare il cibo a tavola.

Attività come queste possono aiutare a incoraggiare lo sviluppo positivo del comportamento alimentare di un bambino.

In questo modo, può scoprire vari tipi di cibo e può trovare nuovi cibi per lui in modo che sia interessato a provarli.

9. Rendi l'orario dei pasti il ​​più confortevole possibile

Un altro modo per provare a trattare con i bambini che hanno difficoltà a mangiare è invitare alcuni dei loro amici a casa per mangiare insieme.

Questo perché i bambini di solito mangiano di più quando sono con i loro amici.

Di solito, quando si mangia con gli amici, i bambini si eccitano di più, soprattutto se gli amici riescono a finire il cibo.

Questo è un modo sicuro per affrontare i bambini che hanno difficoltà a mangiare. Tieni tuo figlio lontano dalla televisione, dagli animali domestici e dai giocattoli mentre mangia per aiutarlo a concentrarsi di più.

Inoltre, non sgridare o costringere il bambino a mangiare perché può fargli sparire l'appetito.

Lascia che il bambino prenda il suo cibo con le mani se vuole. Questo gli dà l'opportunità di imparare diverse consistenze del cibo.

I bambini si sentiranno anche più a loro agio a mangiare da soli e questa è una responsabilità di apprendimento per i bambini.

10. Sii un buon modello per i bambini

Dare il buon esempio ai bambini può essere un modo per affrontare i bambini che hanno difficoltà a mangiare.

I bambini sono imitatori affidabili delle azioni di coloro che li circondano.

Quindi, prima di chiedere a tuo figlio di provare un nuovo cibo o di finire il cibo che servi, dai l'esempio.

Puoi invitare il tuo piccolo a sedersi insieme al tavolo da pranzo, quindi dare al bambino lo stesso cibo mangiato dagli altri membri della famiglia.

Se all'inizio il bambino sembra esitare ad assaggiare il cibo, fai un esempio e dì che il cibo non è meno delizioso del suo cibo preferito.

Ci sono momenti in cui tu o il tuo partner potete avere l'abitudine di sistemare il cibo o non gradire determinati tipi di cibo.

In questa condizione, non stupitevi se in seguito il bambino imiterà anche le abitudini di questo genitore. Affinché i bambini non abbiano difficoltà a mangiare determinati cibi, evita di mostrare questo atteggiamento di fronte ai bambini.

Un altro modo in cui puoi provare a trattare con un bambino che ha difficoltà a mangiare è dire a tuo figlio come ti piace il cibo.

Questo trucco può indurre i bambini a essere più interessati a provarlo.

Digli anche quanto sei felice di vederlo mangiare bene. Il tuo bambino adorerà sentire i tuoi complimenti e sarà più entusiasta di finire il pasto.

Cosa evitare quando un bambino fa fatica a mangiare?

In effetti, a volte è molto esilarante vedere le abitudini dei bambini che sono difficili o pigri da mangiare. Tuttavia, dovresti evitare di intraprendere azioni che possono rendere più difficile l'alimentazione dei bambini, come ad esempio:

1. Obbligare i bambini a mangiare

Non costringere tuo figlio a finire un pasto o a provare un nuovo alimento se non è pronto.

Non è impossibile, la coercizione che dai renderà persino più difficile al bambino mangiare il cibo che gli è stato fornito.

Cerca invece di essere positivo riguardo agli sforzi di tuo figlio.

Prendiamo ad esempio lodare quando il bambino ha iniziato a desiderare di mangiare regolarmente e puntualmente anche se il numero delle porzioni potrebbe non essere eccessivo.

2. Obbligare il bambino a finire il cibo nel piatto

Dopo che il bambino si sente sazio, non costringerlo a continuare a finire gli avanzi nel piatto.

Più il bambino è costretto a finire il cibo, più è difficile per il bambino mangiare. La forzatura non è mai la soluzione giusta per risolvere i problemi dei bambini.

Ecco perché è una buona idea dare al bambino una porzione ragionevole di cibo, ovvero non troppo o troppo poco.

Il lato positivo è che questo metodo può insegnare ai bambini a capire meglio quando i loro corpi hanno fame e quando hanno mangiato abbastanza.

Quali sono le conseguenze a lungo termine se il bambino ha difficoltà a mangiare?

Se la condizione del bambino è difficile da mangiare, dura solo una o due volte o raramente, potrebbe non essere un problema.

Tuttavia, non prenderla alla leggera quando tuo figlio ha difficoltà a mangiare per molto tempo.

Il cibo quotidiano è utile come fonte di energia e come fornitore dell'apporto nutrizionale giornaliero dei bambini.

Automaticamente, la condizione dei bambini che hanno difficoltà a mangiare influenzerà sicuramente l'adeguatezza nutrizionale quotidiana che ottengono.

Si teme che possa interferire con lo sviluppo cognitivo del bambino e con lo sviluppo fisico del bambino.

Citando dalla pagina dell'Associazione Pediatra Indonesiana (IDAI), il risultato dell'abitudine di un bambino di non voler mangiare ha un effetto a lungo termine sulla diminuzione dell'apporto calorico.

Di conseguenza, le calorie che i bambini ottengono dal cibo e dalle bevande non sono sufficienti per le loro necessità quotidiane.

Nel tempo, queste abitudini possono influenzare e persino ostacolare il processo di crescita e sviluppo del bambino. Questo perché le loro esigenze nutrizionali quotidiane non sono soddisfatte in modo ottimale per supportare la loro crescita.

All'inizio, l'impatto di un bambino che ha difficoltà a mangiare può influenzare solo il suo peso, sia che rimanga allo stesso numero senza aumentare, sia che possa addirittura diminuire.

Gradualmente, quindi, queste condizioni influenzano la crescita dell'altezza del bambino fino a quando non culmina nello stato nutrizionale generale del bambino.

È possibile che sorgano problemi nutrizionali che causino malnutrizione nei bambini.

Non tardare a scoprire cosa causa i disturbi alimentari nei bambini.

Puoi anche consultare il tuo bambino dal medico per un trattamento adeguato.

Il medico può somministrare vitamine al bambino.

Varie cose che interferiscono con il processo alimentare quotidiano di un bambino devono essere identificate il prima possibile in modo che la causa sottostante possa essere trovata immediatamente.

Vertigini dopo essere diventato genitore?

Unisciti alla comunità dei genitori e trova le storie di altri genitori. Non sei solo!

‌ ‌

messaggi recenti